Legno
 
 
Il LEGNO è l'elemento della novità, dell'inizio. La freschezza con cui si intraprende, pieni di speranza, qualcosa di nuovo, è la freschezza del LEGNO.
L'elemento LEGNO è una forza Yang giovane e fresca che conferisce alla forza tranquilla dell'ACQUA (la madre del LEGNO) espressione e movimento.
Il LEGNO incorpora l'aspirazione intima dell'uomo verso il continuo sviluppo personale, psichico e spirituale. Questa aspirazione è molto forte e continua a manifestarsi per tutta la vita. Se tale evluzione viene bloccata, subentra la collera che potrà, in determinate situazioni, sprigionare tutto il potenziale accumulato in un'esplosione distruttiva.
La condizione del LEGNO ha effetto immediato sul Fuoco (figlio del LEGNO). La TERRA è controllata dal LEGNO, una circostanza che ha notevole importanza pratica e che ai giorni nostri rappresenta la causa prima di molti problemi di stomaco e di digestione.
La proprietà positiva che viene trasmessa attraverso questo elemento è la pazienza. Quando il LEGNO è forte, siamo indulgenti con noi stessi e con gli altri, senza però perdere di vista la nostra situazione e il nostro scopo. Siamo flessibili e ci possiamo permettere di essere anche tolleranti e magnanimi. Quando l'elemento LEGNO è sano, l'uomo è disteso e rilassato anche in circostanza difficili. Il soggetto ha una visione chiara, seppur a volte visionaria, del futuro e dispone di creatività, pragmatismo e di capacità organizzative idonee a trasformare in realtà questi progetti.

Come già detto l'emozione legata al LEGNO è la collera, che subentra quando il potenziale di crescita e svilupo viene impedito, o rischia di esserlo, da altre persone o altre circostanze.
La collera è di conseguenza una chiara esternazione della volontà, nell'elemento LEGNO, di non accettare questo impedimento, assicurando, quindi, la capacità di parlare chiaro e con energia nelle situazioni che lo richiedono. Le persone, il cui timbro di voce, risulta sempre troppo alto, mostrano già un'accentuazione e quindi uno sbilanciamento dell'elemento.
E' insito nel LEGNO la capacità di controllo per tutte le situazioni già citate. Il concetto di controllo comprende anche la capacità di controllare se stessi e gli altri.
Il colore del LEGNO è il verde, colore della speranza e del futuro, concetti legati a quest'elemento. Se una persona ama il verde, indossa abiti verdi o si circonda di questo colore, lo fà perchè avverte il bisogno di armonizzare con il LEGNO. In una situazione diversa l'ambiente potrebbe diventare assolutamente non adatto a causa del troppo verde che potrebbe irritare un elemento LEGNO debole.
Il sapore acido rinfresca e armonizza il LEGNO. Predilezione e inclinazione per i cibi acidi sono espressione delle forze di autoregolazione dell'organismo.
La condizione climatica legata a questo elemento è il vento. A seconda della situazione energetica in cui ci troviamo, saremo portati ad amare il vento e la tempesta o ci sentiremo, invece, minacciati da questi elementi.
La stagione del LEGNO è la primavera. Questa è la stagione dell'inizio, della nuova fioritura, carica di energia. Molte persone si sentono proprio così all'inizio della primavera, quando comincia un nuovo anno. Se invece disturbi e malattie si aggravano in primavera, questo sta ad indicare che l'elemento LEGNO ha uno squilibrio.
La fase della vita è rappresentata dall'infanzia e dalla giovinezza. Specialmente nell'infanzia si evidenzia la forza del LEGNO.
E' il tempo della crescita tumultuosa, il periodo in cui il giovane si esprime senza limitazioni. I bambini vogliono espandersi fisicamente, psichicamente ed energeticamente in ogni direzione.
L'organo di senso è l'occhio e il senso è, ovviamente, la vista. E' facile intuire l'accostamento del senso della vista con il LEGNO dopo aver detto che una delle capacità di questo elemento è il guardare avanti, al futuro.
In questo caso il fluido corporeo sono le lacrime intese non come di dolore o tristezza, ma sono piuttisto le lacrime che sgorgano quando il viso è sferzato dal vento. E' riferito quindi al liquido che inumidisce l'occhio e gli rende brillantezza.
La parte del corpo associata al LEGNO sono i muscoli, ai quali dona la capacità di tendersi, di sviluppare forza e trasformarla nei tendini in tono fisico vitale e in movimento. L'energia del LEGNO si rispecchia anche nella lucentezza delle unghie di mani e piedi.
Il LEGNO predilige la distensione e la tranquillità. Ama il riposo, anche perchè il riposo sostiene l'acqua, la madre del LEGNO.
Sentimenti di forte rabbia, collera e furore compromettono la situazione d'equilibrio del LEGNO e la stessa cosa avviene quando si cerca di reprime tali sentimenti. Questo elemento è danneggiato anche dall'alcool, dalle droghe e dai medicinali. Tutti gli eccessi nella vita consumano l'energia del LEGNO.

L'elemento si evidenzia soprattutto nella parte destra del corpo, specialmente nella spalla destra, nella parte destra del tronco e nell'arco costale. Inoltre si manifesta attraverso la funzionalità, la brillantezza e l'aspetto degli occhi, delle unghie e dei capelli. Gli occhi in particolare rispecchiano la condizione di FEGATO: uno sguardo chiaro e limpido oppure ochhi stanchi e arrossati forniscono indicazioni sullo stato di salute dell'organo.

Iscriviti alla Newsletter
 
 
   
Dr. Antonio Martone - Posturologo - Chinesiologo - Personal Trainer - Operatore Shiatsu - Napoli
Home - Disclaimer - Studio: Via F. Cilea n° 215, 80127 Napoli - Partita Iva: 06390841218
Contatti: +39 3200651566 - info@antoniomartone.com
Tutti i diritti riservati 2007/2018