Siamo tutti malati cronici

Siamo abituati ad un modello di medicina convenzionale che si basa sui sintomi e sulle patologie.

E’ un po’ come dire che se ho dolore alla cervicale è cervicobrachialgia, se ho dolore ad un ginocchio è una gonalgia, se ho dolore alla schiena è sciatalgia e potrei continuare all’infinito.

E’ come se si volesse fare diagnosi partendo semplicemente dal sintomo. Beh! Purtroppo è quello che accade nella realtà. Teniamo bene a mente che il sintomo è l’effetto e la causa è da ricercare attraverso l’anamnesi del paziente e la valutazione clinica. 

Quindi il sintomo va ignorato? 

Assolutamente NO! Ciò che voglio dire è che non bisogna fermarsi a guardare solo nel distretto da cui proviene il sintomo. Può essere utile, ma bisogna indagare globalmente e su più livelli.
Il sintomo è un’informazione di cui tenere conto, ma non è la chiave di volta su cui basare la valutazione.

E’ ovvio che il paziente voglia eliminare il sintomo ed è dovere degli addetti ai lavori trovare una soluzione in tal senso, ma a noi interessa sapere l’origine di quel dolore, ovvero la causa.
Capiamoci, se cado è mi rompo una gamba è ovvio che avrò dolore e sarà altrettanto scontato che il sintomo (dolore) è causato dalla rottura della gamba (causa). In questo caso causa ed effetto praticamente coincidono e non dovrò indagare chissà quale altro distretto o fare mille test.

Il problema nasce quando il dolore non è legato ad un evento traumatico come quello appena descritto. 

Se restiamo ancorati al concetto che il dolore descrive la patologia, è chiaro che lo stato di assoluto benessere è legato all’assenza del dolore.
Se ragionassimo così come ci spieghiamo il dolore che compare all’improvviso?

Facciamo un esempio: ieri mi sono alzato dal letto senza nessun dolore e quindi potevo ritenermi perfettamente sano. Oggi vado per prendere un libro da uno scaffale e accuso dolore alla spalla. Il dolore persiste e decido di farmi visitare; risultato periartrite scapolo-omerale.
Se ieri ero sano ed oggi ho la periartrite la domanda è: “QUANDO MI E’ VENUTA STANOTTE?

Il processo è sicuramente più complesso.

E’ più plausibile che sia iniziato molto prima e non è affatto detto che l’origine sia proprio alla spalla.
E’ chiaro che tra lo stato di benessere (assenza di dolore) e la patologia (dolore) deve essere successo qualcosa.
In Posturologia facciamo proprio questo: indaghiamo, magari proprio a partire dal sintomo, ma con la consapevolezza che quella disfunzione, quel dolore, quell’alterazione ha origini più lontane nel tempo e nello spazio (cioè considerando tutta la superficie corporea).

E’ per questo che in maniera provocatoria ho detto che siamo tutti malati cronici. 

Ed è proprio così! Si perché la patologia di carattere posturale può avere davvero svariate cause che possono essere legate alla muscolatura, la biomeccanica, le emozioni, la nutrizione e non basta un giorno per scatenarla.

Insomma il messaggio è chiaro: la diagnosi di lombalgia non ci deve bastare più, dobbiamo scoprirne la causa.

E tu che ti sei svegliato con quel dolorino che ieri non c’era, lo sapevi che sei un malato cronico?

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Dr. Antonio Martone

Tel: 320 06 51 566

Studio: via Francesco Cilea 215 – 80127, Napoli

Compila il form e sarai ricontattato al più presto